Info Progetto

  • Stazione Appaltante
    AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI
  • Oggetto dei lavori
    Ampliamento del N.C.C.E. ed adeguamento normativo e funzionale del padiglione dei servizi amministrativi, sistemazioni esterne e sottoservizi
  • Responsabile Unico del Procedimento
    Ing. Alfonso CAGIANO
  • Direttore Dei Lavori
    STUDIO STEAM s.r.l.
    Ing. Gianluca CALACE
  • Periodo di esecuzione delle opere
    2013 - in corso
  • Importo Complessivo dei lavori
    € 25.585.918,93

Settori di Attività

LAVORI DI COMPLETAMENTO PADIGLIONE AMMINISTRATIVO, Policlinico (BA)

...

L’intervento in oggetto prevede la realizzazione del Nuovo Complesso Chirurgico e dell’Emergenza sul sedime occupato attualmente da due manufatti edilizi, ovvero i reparti di Psichiatria e di Fisiopatologia Respiratoria, di cui è prevista la demolizione totale, con un recupero di volumetria globale pari a 15.160 mc, e da un’area attrezzata a verde con consistenza pari a circa 3.000 mq. Il lotto sarà inoltre confinato da manufatti edilizi quali l’edificio denominato Asclepios II a sud, l’edificio per le ricerche biomediche a ovest, oltre che da una strada di percorrenza carrabile interna al Policlinico a nord. Il nuovo fabbricato, denominato Asclepios III, è organizzato, secondo 8 livelli, da un piano interrato di ampia superficie e da un piano terra ed un piano primo di dimensioni più contenute rispetto alle superfici contenute nel volume che ospita i cinque piani soprastanti. Il piano terra ed il piano primo occupano due volumi separati fisicamente che, nell’attacco a terra, fungono da basamento all’edificio soprastante che ospita all’interno spazi organizzati secondo lo schema del corpo quintuplo in cui le degenze, gli spazi complementari ad esse e le attività dipartimentali sono distribuite lungo gli affacci esterni, mentre gli spazi di servizio, quali i blocchi per il trasporto verticale ed i vani dedicati all’impiantistica, sono disposti lungo le campate centrali. I sistemi di trasporto verticale sono ripartiti secondo la tipologia di utenza che li utilizza, visitatori, pazienti e medici, materiale sporco e materiale pulito e/o sterile. Gli ascensori per il pubblico sono stati posti in fronte all’ampia vetrata che guarda ad est che illumina le zone di attesa per i visitatori esterni, ad ogni piano, e che compositivamente, in prospetto, rende architettonicamente evidenti i due blocchi volumetrici longitudinali che ospitano i reparti di degenza distinti a seconda che si tratti di dipartimenti universitari od ospedalieri. Nella zona centrale del fabbricato sono stati ricavati anche due chiostri vetrati lungo il loro sviluppo verticale, con la funzione di illuminare le aree che vi si affacciano.