Info Progetto

  • Stazione Appaltante
    MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÁ CULTURALI E DEL TURISMO
    Segretario Regionale del MiBACT per la Campania
  • Oggetto dei Lavori
    Restauro, adeguamento funzionale ed impiantistico e miglioramento degli standard di sicurezza e fruizione di Palazzo Reale
  • Responsabile Unico del Procedimento
    Arch. Giorgio COZZOLINO
  • Direttore dei Lavori
    Arch. Anna CAPUANO
  • Periodo di esecuzione delle opere
    28.07.2015 - 22.02.2017
  • Importo complessivo dei lavori
    € 15.350.000,00

Settori di Attività

PALAZZO REALE, Napoli

...

Gli interventi di restauro, adeguamento funzionale e impiantistico e miglioramento degli standard di sicurezza e fruizione, fi nalizzati al potenziamento dei servizi di accoglienza e di orientamento alla visita della città e del territorio, hanno interessato tutto l’edifi cio, attraverso operazioni di ripristino e consolidamento dei prospetti in tutte le loro parti, eseguite contemporaneamente su differenti tipologie materiche, dal piperno, al marmo delle statue e degli stemmi su Piazza del Plebiscito, agli elementi architettonici realizzati in intonaco. La molteplicità e complessità di suddetti interventi ha necessitato l’intervento di diverse competenze professionali, attraverso un attento uso di nuove tecnologie e materiali, improntando una campagna mirata ad ottenere delle lavorazioni in linea con i dettami del restauro. Le operazioni di consolidamento sugli elementi lapidei sono state eseguite per mezzo di sigillature e di micro imperneazioni con barre in acciaio opportunamente calcolate per dimensione e diametro; le lavorazioni sull’intonaco hanno interessato gli elementi architettonici attraverso operazioni sia di consolidamento dell’esistente che di ripristino di parti più complesse, come il caso dei fregi presenti nelle trabeazioni “ricostruite” attraverso l’ausilio della documentazione fotografi ca esistente. Importanti gli interventi di rifacimento e ripristino delle tinte sui prospetti mediante l’utilizzo di nuovi materiali e la sostituzione parziale (realizzazione in laboratorio degli elementi decorativi in ferro danneggiati o mancanti) o totale dei serramenti esistenti con nuovi, dotati di medesima forma, ma con adeguati accorgimenti in grado di soddisfare i requisiti prestazionali richiesti dalla legge. Di notevole importanza anche gli interventi tesi a ripristinare l’uso di spazi esistenti abbandonati negli anni: da qui la realizzazione in ambienti accuratamente restaurati di un nuovo bookshop e selfservice; medesimi interventi hanno interessato tutti i locali ormai in disuso prospicienti Via Acton che verranno dotati di nuovi collegamenti verticali interni e nuovi spazi da dedicare ad archivi e biblioteche.

...