Info Progetto

  • Stazione Appaltante
    PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Struttura di Missione per le Celebrazioni del 150º Anniversario dell'Unità Nazionale
  • Oggetto dei Lavori
    Progettazione dei lavori di restauro, ristrutturazione architettonica ed impiantistica per incrementare la produttività teatrale del Teatro San Carlo di Napoli
  • Responsabile Unico del Procedimento
    Dott. Ing. Raniero FABRIZI
    Struttura di Missione per le Celebrazioni del 150º Anniversario dell'Unità Nazionale
  • Direttore dei Lavori
    Dott. Ing. Enrico BENTIVOGLIO
    Struttura di Missione per le Celebrazioni del 150º Anniversario dell'Unità Nazionale
  • Periodo di esecuzione delle opere
    09.08.2008 - 12.03.2010
  • Importo complessivo dei lavori
    € 56.408.765,83

Settori di Attività

TEATRO DI SAN CARLO, Napoli

...

Gli obiettivi fondamentali del progetto di restauro del Teatro San Carlo puntano all’accrescimento della produzione artistica attraverso l’innovazione tecnologica del palcoscenico e l’adeguamento - miglioramento di tutti i luoghi di produzione dello stesso in una rivisitazione puntuale e razionale degli spazi. Le modifiche architettoniche, all’interno del volume esistente, si attuano mediante il rifacimento del piano di palcoscenico con nuovi criteri e modernizzazione delle dotazioni della superiore graticcia, al pari dei grandi teatri italiani ed europei; la trasformazione di alcuni spazi del teatro diversamente utilizzati, o non più utilizzati, per realizzare le sale prove mancanti; la variazione della struttura e la compartimentazione acustica dell’originaria sala scenografica per realizzare una nuova sala prove regia nel sottotetto del teatro, accrescendo le potenzialità della principale sala prove ballo; l’adeguamento degli spazi destinati all’accoglienza del pubblico, con la realizzazione di nuovi percorsi privi di barriere architettoniche, in modo da poter offrire nuovi spazi al pubblico con il recupero dello spazio del sottoplatea creando un nuovo “ridotto” per il teatro; la conservazione delle strutture artistiche e storiche mediante un attento restauro conservativo rispettoso anche della memoria contemporanea; la conservazione e il miglioramento delle caratteristiche di sonorità della sala teatrale, per accogliere tipi di spettacolo differenti dal repertorio dell’opera tradizionale; l’adeguamento di tutti gli spazi di lavoro del teatro (camerini artistici, laboratori, uffici, ecc.) mediante una manutenzione ordinaria e straordinaria accompagnata da un necessario adeguamento impiantistico; la climatizzazione, oltre ad altri ambienti, anche della sala teatrale, considerata come principale modifica, intimamente legata all’incremento della produttività in quanto garantisce la continuità della stagione teatrale eliminandone in tal modo le stagioni “morte”.

...